Avocado in Sicilia è cresciuto con l’avvento del Vegano degli ultimi dieci anni, che ha fatto aumentare le coltivazioni di avocado specie nel catanese, per via del terreno vulcanico. La qualità del terreno alle pendici dell’Etna si adatta benissimo alle colture di avocado. Ma in aumento sono tutte le coltivazioni di frutta esotica in Sicilia, Avoado, Mango, Fichi d’India

Avocado in Sicilia

L’avocado è un frutto esotico importato dal Messico reso famoso dalla salsa guacamole. L’Avocado e il Mango stanno ottenendo un grande successo in Sicilia. L’Avocado è molto apprezzato sul mercato europeo e secondo le stime dell’associazione dei produttori di Avocado in Sicilia, la domanda non è ancora completamente soddisfatta dall’offerta. Per questo con il nuovo PSR, molte aziende agricole stanno convertendo la loro produzione da agrumi a frutta tropicale, anche perché la Sicilia si presta bene alla coltivazione di frutta esotica, per via dell’andamento tropico del nostro clima. Per l’Avocado gli elementi indispensabili per ottenere un buon prodotto di qualità e biologico, sono: i terreni vulcanici: la purezza dell’acqua. Il prezzo dell’Avocado consente di sostenere la produzione e varia da 1.80 a 3€ al chilo a seconda della qualità ed è un frutto esotico che si sta facendo spazio anche in cucina con la sempre più diffusione di ricette di avocado. L’avocado si lavora bene con un buon olio extravergine bio e del miele. Inoltre, si abbina molto bene con il tonno e regge le emulsioni. Le proprietà nutritive della frutta esotica in genere, dell’avocado e del mango in particolare, favoriscono la loro diffusione. 

Avocado in Sicilia

Proprietà Nutritive dell’Avocado 

L’Avocado contiene grassi insaturi, acido grasso linoleico e omega 3, ottimi per combattere la formazione del colesterolo. È apprezzato dai vegani perché fornisce un buon apporto proteico e vitamina antiossidanti A ed E, contro i radicali liberi e l’invecchiamento cellulare. Inoltre contiene sali minerali come il potassio, il calcio e il magnesio e poi è ricco di fibre. Infine, l’avocado contiene acido folico, molto indicato per le donne in stato di gravidanza. L’unico inconveniente è che ha un apporto calorico molto alto, 230 kcal per 100gr, ed è quindi controindicato per coloro che hanno bisogno di perdere peso. Inoltre, ha una concertazione di potassio più alta della banana, per cui è controindicato per soggetti affetti da insufficienza renale ma ottimo per chi fa sport. La riduzione del colesterolo lo rende un frutto indicato per la prevenzione dell’infarto e dell’ictus. È un buon antidepressivo naturale per le sue qualità e favorisce una buona digestione ed è buono, quindi, anche per contrastare l’alitosi.

Come si coltiva l’Avocado in Sicilia

Coltivare Avocado in Sicilia è relativamente semplice. Appurato che gli elementi essenziali per poter procedere con una coltivazione di avocado in Sicilia sono il terreno vulcanico e un’ottima acqua per irrigare, si possono cercare le soluzioni giuste per ottenere una buon impianto anche con altri tipi di terreni a medio impasto, tendenti allo sciolto con un’acidità PH 6/7,5 e non superiore ad 8. L’apporto di acqua considerato è simile a quello di un agrumeto. Per un frutto esotico tanto apprezzato è una vera manna l’essere coltivato in Sicilia, senza dover arrivare dal Sud America o da Israele, dal Sud Africa o dagli Stati Uniti. Accorcia le distanze tra produttori e consumatori sul mercato europeo, a beneficio della qualità e dei costi di produzione. L’avocado è un frutto esotico che vanta 5000 anni di esistenza. Già il popolo Azteco apprezzava l’avocado e c’è da scommettere che faceva con l’avocado faceva ricette sopraffini. Di certo c’è che lo consideravano un frutto dalle proprietà afrodisiache e chiamato per questo, frutto dell’amore.

Il Mango in Sicilia

Anche il mango sta cominciando ad ottenere un buon successo con le coltivazioni. L’avvento di nuove colture Frutta Esotica in Sicilia, è dovuto un po’ alle variazioni climatiche tendenti al rialzo delle temperature ma anche al prezzo che soddisfa più degli agrumi lo sforzo della produzione. Infatti, un chilo di mango è pagato anche 1.80€ al chilo, contro meno dello 0,40 € dei limoni. Ecco perché i vecchi agrumeti in Sicilia sono riconvertiti a coltivazioni di Avocado, Mango  eFichi d’India. Le stime degli esperti dell’Assessorato Regionale all’Agricoltura dicono che in 5 anni un impianto di Mango può dare una produzione lorda vendibile per ettaro fino a 12 mila euro, per arrivare ai 60-70 mila euro dell’undicesimo anno di vita. Il costo per ettaro di un impianto di mango è di circa 30.000 €. Con i costi di manodopera che si riducono a 5 mila euro all’anno, il breakpoint si ha dal quinto anno in poi. A parte le condizioni di coltivazione, qualità del terreno e acqua, uno dei pochi problemi è l’approvvigionamento delle piante, ancora insufficiente e riparato, per il momento, facendo ricorso alla Spagna.

Proprietà Nutritive del Mango

Al contrario dell’Avocado, il Mango è ottimo per chi è a dieta. Il frutto esotico è dolce, colorato e succoso ma anche ricco di tante proprietà nutritive. Le ricerche scientifiche hanno confermato che il Mango aiuta a dimagrire ma aiuta a combattere alcuni tipi di cancro. Il mango contiene vitamine A e sali minerali, tra i quali potassio, calcio e magnesio. Il Mango è quindi un ottimo frutto rigenerante, un integratore naturale antistanchezza. Inoltre, è ricco di acqua e di fibre, particolarmente utili per il benessere dell’intestino. Ricco di antiossidanti come il Lupeol, il Mango ha dimostrato capacità antinfiammatorie e antitumorali, per via della sua funzione di depurazione dell’organismo. Il Mango combatte i radicali liberi e, secondo le popolazioni asiatiche che lo utilizzano quotidianamente, avrebbe anche doti afrodisiache. Il colore giallo arancione del mango indica la presenza del betacarotene, precursore della vitamina A. Il mango fa dimagrire e brucia i grassi in eccesso, perché inibisce la crescita delle cellule adipose. Inoltre, il Mango è un frutto esotico con poche calorie, al contrario dell’Avocado. Un frutto di medie dimensioni fornisce al nostro organismo solo 100 calorie.  Le proprietà anticancro del Mango si devono proprio alle sue caratteristiche antinfiammatorie e protettive in relazione all’obesità, e ad alcuni tumori come quello del colon e del seno

Come si coltiva il Mango in Sicilia

A differenza dell’Avocado, la coltivazione del Mango in Sicilia è più duttile. La fascia costiera del Tirreno è la più adatta.In queste zone la temperatura scende raramente sotto lo 0°. Per il resto, il Mango è una pianta che si adatta molto facilmente alle condizioni pluviometriche, per esempio, e alle caratteristiche del terreno. Le cultivar poste in campo sono la Glenn, che si è rivelata la migliore  per il colore ed il sapore, la Tommy Atkins, cultivar già conosciuta e affermata in altri paesi che anche da noi raggiunge una colorazione del frutto molto attraente. La Keitt che, oltre a dare un ottimo frutto, si distingue dalle altre cultivar per l’epoca di maturazione tardiva tra ottobre e novembre. La Maya, una cultivar israeliana con frutto di colore giallo con sovracolore rosso, peso medio intorno a 250-350 gr di buona qualità. La Van Dyke, cultivar originaria della Florida, la Osteen è una cultivar vigorosa, porta frutti medio grossi, del peso di 500-700gr., la polpa è soda succosa, con piccole fibre. La Kent, anche questa una cultivar proveniente dalla Florida e, infine la prima arrivata in Sicilia, la Kensington Pride, di origine australiana, inizialmente consigliata agli agricoltori perché resistente alle basse temperature. Tuttavia ha un difetto nella colorazione pallida, che la rende poco attraente nei mercati del Nord Europa. 

I Fichi d’india in Sicilia

Se c’è un frutto esotico che identifica la Sicilia quello è il Fico d’India. Importato in Europa con i primi viaggi transoceanici alla volta delle coste dell’America, dopo più di 5 secoli è ormai considerato un frutto esotico autoctono della Sicilia. Durante un viaggio a Bruxelles conobbi un ragazzo indiano al quale feci assaggiare i Fichi d’India. Rimase sorpreso di non conoscerli. In India non li aveva mai visti.   

Fichi d'India in SiciliaCome si coltivano i Fichi d’India in Sicilia

La coltivazione del ficodindia a livello europeo è esclusiva della Sicilia. In Sicilia si detiene il monopolio del mercato italiano ed oltre il 90% del mercato comunitario. La superficie complessiva interessata alla coltivazione specializzata del ficodindia in Sicilia, è di circa 4000 ettari. Anche per il Fico d’india la zona di produzione più importante è quella di Catania seguita dall’area della Valle del Belice e della piana di Palermo.  Il Fico d’India ha bisogno di una terreno e un ambiente caldo-arido. E’ una pianta che resiste a temperature anche oltre i 45 °C. Il clima ottimale è quello di alta collina, con inverni non troppo rigidi e con stagioni estive caldo-umide. Per la coltura intensiva è preferibile collocare gli impianti nelle aree con altitudine non superiore ai 600 m s.l.m. ed in terreni sciolti con una bassa componente argillosa. Fico d’India di Sicilia, tecniche colturali

Proprietà Nutritive dei Fichi d’India 

I fichi d’india sono frutti sono ricchi di vitamina C e minerali tra cui potassio e magnesio. Contengono inoltre molte fibre che aiutano la peristalsi intestinali contrastando il problema della stitichezza. I Fichi d’India sono frutti utili per assimilare meno grassi e zuccheri tenendo a bada glicemia e sovrappeso. Ecco perché vengono spesso consigliati come spuntino per chi è a dieta e vuole perdere i chili di troppo. Inoltre, favoriscono la diuresi riducendo il rischio di calcoli renali e sono ricchissimi di antiossidanti, sostanze utili al nostro corpo per combattere i radicali liberi e l’invecchiamento cellulare.